Adsboel.net

Adsboel.net

Caldaia a condensazione serve scarico acqua

Posted on Author Mazutilar Posted in Rete

Tutti gli apparecchi a. Tutte le caldaie a condensazione devono essere collegate ad uno scarico della condensa residua di combustione, in accordo con la norma. In merito allo scarico dell'acqua di condensa, parlando sempre di apparecchi domestici, a dettare le regole per una corretta installazione è. La caldaia che ho appena installato scarica la condensa nel pluviale tramite il passaggio di quest'ultima in un filtro (detto comunemente.

Nome: caldaia a condensazione serve scarico acqua
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 21.19 MB

Pagina 2 di 5 I requisiti di una Caldaia a Condensazione Rispetto ad una caldaia tradizionale, la caldaia a condensazione richiede di apportare alcune modifiche all'impianto esistente: Evacuare la condensa Serve un tubo che si colleghi al sifone di scarico più vicino per scartare la condensa prodotta.

Non è a norma. La condensa è tossica per digestione e deve essere resa inaccessibile. Evacuare i fumi di scarico Se la vostra canna fumaria è in acciaio inox, probabilmente soddisfa i requisiti per la caldaia a condensazione, altrimenti vuole intubata con un tubo in plastica, resistente alla condensa. E' importante che la canna fumaria sia dedicata solo alla vostra caldaia, che quindi non sia di tipo ramificato dove si immettono altri apparecchi non a condensazione.

L'evoluzione delle norme vigenti in materia ha intrapreso una strada complicata con indicazioni non semplici da attuare: su scala europea e nazionale esistono dei valori limite di caratteristiche fisiche e chimiche della condensa che potrebbero essere restrittivi per impianti particolarmente grandi come le centrali termiche condominiali, ed i piani di smaltimento delle condense dovrebbero essere regolati dalle regioni e nella maggior parte dei casi sono tralasciati.

Scarico condensa nei sistemi fognari È bene sottolineare che per gli impianti di medie e piccole potenze, generalmente inferiori a 35 kW, mediamente, non sono presenti negli scarichi di condense contenuti elevati di sostanze particolarmente velenose, infatti in linea di massima ne è consentito lo scarico nei sistemi di raccolta delle acque fognarie e superficiali.

È bene osservare che tale possibilità, seppure prevista dalle norme, resta comunque basata su un approccio pressoché empirico, essendo la quantità di condensa prodotta proporzionale alla potenzialità dei generatori e all'utilizzazione degli stessi; ma tali fattori non sono correlati in maniera semplice alla produzione di acque basiche contenenti saponi e detergenti.

Non esiste abitazione per cui la caldaia a condensazione non sia adatta. Devi solo adattare il nuovo acquisto a casa tua, scegliendo quello più idoneo.

Questo è il dubbio più comune, nonché la cosa più temuta. La risposta è: assolutamente no.

Togliti dalla testa polvere, disordine e giorni di caos in casa. Se lo scarico si trova in prossimità della caldaia basterà installare delle canaline del diametro di 20 mm.

Se il nostro tubo di scarico è lontano dalla caldaia invece è possibile ricorrere a dei piccoli kit che permetto, attraverso una semplice pompa, di raggiungere i condotti di scarico anche in presenza di dislivello o metri di distanza. Come vedi nessun esaurimento.

Per le caldaie di portata termica nominale superiore ai 35 kW è necessario far riferimento alle indicazioni previste dalla norma tecnica UNI In ambito residenziale, va fatto riferimento al numero di appartamenti serviti, mentre in quello non residenziale, al numero di utilizzatori.

Caldaie a Doppia Condensazione[ modifica modifica wikitesto ] Di introduzione relativamente recente, sono le caldaie con scambiatore a doppio circuito di condensazione: uno dedicato alla sola produzione per uso sanitario e l'altro, normalmente, ad uso per l'impianto di riscaldamento. Rispetto alle caldaie a condensazione normali, le caldaie a doppia condensazione si occupano, quindi, del riutilizzo calore sensibile generato dai fumi anche in fase di produzione di acqua sanitaria , e non solo in fase di riscaldamento.

Il recupero in termini di produzione termica è quindi possibile anche nei mesi estivi e non solo durante i periodi dell'anno in cui è attivo il sistema di riscaldamento.


simile